Con la pandemia di coronavirus che aggrava il rallentamento dell’economia globale, i governi di tutto il mondo potrebbero non avere altra scelta se non quella di aumentare la spesa per sostenere imprese e famiglie fino al prossimo anno – afferma un noto economista di S&P Global Ratings.

Molti governi hanno infatti già annunciato grandi quantità di sostegno fiscale sulla scia della pandemia. Ma alcuni Paesi, tra cui gli Stati Uniti, hanno mostrato “un certo grado di stanchezza fiscale” e stanno considerando di ridurre alcuni degli stimoli, ha poi proseguito Shaun Roache, l’economista capo dell’agenzia di rating per l’Asia Pacifico.

Stiamo vedendo alcuni politici fiscali pensare di ritirare alcune delle loro misure o forse di lasciarle scadere senza rinnovarle, e questa è una cosa piuttosto pericolosa da fare quando la domanda nel resto dell’economia rimane ancora abbastanza soppressa“, ha detto lunedì a “Squawk Box Asia” della CNBC.

Quindi ci aspettiamo e speriamo di vedere alcune di queste misure fiscali rinnovate, spinte avanti nel prossimo anno. Questo significherà un maggiore alleggerimento fiscale, ma al momento non ci sono alternative“, ha aggiunto.

Roache ha spiegato che la spesa aggiuntiva peggiorerà i bilanci dei governi, ma è necessario “evitare che le cose peggiorino ulteriormente“. Questo è particolarmente vero quando le autorità devono intraprendere azioni che sopprimono l’attività economica per contenere il virus, data l’assenza di un’apparente soluzione medica all’epidemia, ha aggiunto.

S&P Global Ratings all’inizio di questo mese ha declassato le sue previsioni per l’economia globale. Ora si aspetta che il prodotto interno lordo globale si riduca del 3,8% quest’anno, peggiore della contrazione del 2,4% prevista in precedenza.

L’economia globale dovrebbe rimbalzare ad una crescita media del 4% nel 2021 al 2023, ma il livello della produzione economica in quasi tutte le economie dovrebbe rimanere al di sotto dei livelli del 2019 – prima che il virus si diffonda a livello globale – per diversi anni, ha detto l’agenzia in un rapporto.

Quindi non torneremo al punto in cui saremmo stati in assenza del virus e in larga misura questo riflette molti dei danni che sono stati causati … ai mercati del lavoro, ma in particolare ai bilanci e che non si risolveranno facilmente o rapidamente“, ha detto Roache.