massaggi-rivitalizzantiSi chiama Brushing, ma viene comunemente chiamato massaggio rivitalizzante. Già, perchè si tratta di una vera e propria coccola per la nostra pelle. Quello che, forse, non sapevate, è che in commercio esistono delle spazzole che vi aiutano nel vostro “benessere casalingo”: vediamo quali sono!

Il massaggio rivitalizzante è una tecnica utilizzata in tutto il mondo. Tuttavia, ogni luogo ha il suo metodo: in Svezia, ad esempio, si usano le spazzole in saggina, in Marocco il guanto di luffa (ricavata da un particolare tipo di zucca), mentre in Giappone si utilizza quella in agave. Insomma, ogni terra ha la propria, ma gli effetti sono uguali per tutti.

Abbiamo parlato di spazzole: il brushing può essere effettuato in modi diversi. In Italia, ad esempio, prediligiamo un massaggio più soft, in Scandinavia invece sono per movimenti forti e decisi. Anche le spazzole che troviamo in commercio hanno un uso diverso.

Le spazzole che possiedono setole naturali favoriscono la pulizia profonda della pelle. Il loro manico, poi, permette di raggiungere qualsiasi zona: in questo modo, l’effetto rilassante è garantito, proprio come l’effetto rivitalizzante. Il costo, poi, è accessibile a molti: in profumeria, ad esempio, trovate la spazzola di MartiniSpa Massage al costo di 12 euro.

Le spazzole con manico estraibile, invece, permettono di essere utilizzate comodamente sia sulla schiena che sulle braccia. Inoltre, i dentini in legno svolgono un’azione drenante e anticellulite. In profumeria, quella di Tek, costa intorno ai 39 euro. Infine, per un brushing perfetto c’è la spazzola in pura seta bianca. E’ indicata anche per un massaggio tonificante, grazie alle sfere di acetato di cellulosa. Il costo si aggira intorno ai 46 euro, e fa parte della collezione Acca Kappa.

Insomma, ad ogni spazzola il proprio uso. Di fatto, però, il risultato finale non cambia: la vostra pelle vi ringrazierà per le attenzioni, e siamo certi che saprete affrontare i caldi estivi con la pelle levigata e perfetta.