trading binarioI segnali di trading opzioni binarie, se mal adoperati, possono non funzionare ma ciò non è da addebitare al non funzionamento dei segnali di trading, quanto ad un loro inefficace utilizzo.

Ecco come utilizzarli al meglio, affinché funzionino davvero:

  • Associare ai segnali sempre l’analisi tecnica e gli altri strumenti utili (oscillatori, stocastici, medie mobili, analisi delle candele giapponesi)

  • Individuare il momento giusto per entrare nel mercato, sfruttando la direzione di segnale

  • Tenere conto del livello di forza del segnale

  • Distinguere tra informazioni contingenti di mercato e “disturbi” esterni (notizie inattese che hanno cambiato improvvisamente il sentiment di mercato) che possono inficiare anche da subito la validità del segnale, malgrado sia fornito ancora ad un livello di forza accettabile. In questo caso, è meglio ignorarlo. Il calendario economico deve essere il nostro principale punto di riferimento per capire se ci saranno particolari “scossoni” in quel mercato, o per lo meno prevederli, dando minore importanza al segnale “algoritmico” e maggiore importanza alle indicazioni di natura qualitativa lasciate dagli analisti

I segnali di trading possono basarsi, infatti:

  • Su informazioni di natura quantitativa. L’algoritmo processa le informazioni di mercato, sulla base della direzione di trend, a diversi lassi di tempo. Un possibile approccio che potrebbero avere incorporato nel modello algoritmico è rappresentato dalle medie mobili, ovvero dal Macd

  • Su informazioni di natura qualitativa. Non vi è nessun programma in dotazione ed è la piattaforma a fornire i segnali, anche via e-mail alert sulla base delle indicazioni e delle evidenze degli analisti

Siamo di fronte ad un’utilità addizionale per l’investimento. Esatto, i segnali di trading possono funzionare davvero se utilizzati con intelligenza ed abbinandoli a tutte le informazioni a nostra disposizione.

Meglio scegliere la modalità automatica o quella manuale, nel caso ci avvaliamo di un robot per le opzioni binarie? Vi possiamo consigliare sempre l’approccio manuale, salvo che non vi si permetta di personalizzare la modalità automatica, in funzione della soglia di perdita ammissibile o del volume massimo di trading (e non tanto del livello di profitto giornaliero atteso). In un certo senso, nessuno è perfetto, e tanto più un software di segnali. Dal punto di vista cognitivo, siamo noi a selezionare le informazioni giuste che provengono dal mercato capendo l’affidabilità o meno dei segnali di trading.

Non è possibile utilizzare solo i segnali senza dare uno sguardo complessivo al mercato e, quanto più vi è volatilità, tanto più vi è maggiore efficacia dei segnali, ma anche il rischio di trovare dei segnali falsi, a cui non bisogna accodarsi.

I segnali di trading funzionano e sono utili per tutti quei traders che vogliono imparare ad utilizzare tutte le opportunità che ci vengono offerte, dando chiaramente un senso a come si investe e si agisce sul mercato delle opzioni binarie.

Gli asset su cui vi possiamo consigliare di sfruttare i segnali sono certamente rappresentati dal forex, ed in particolare dai pair più volatili. Gli asset, a componente ciclica, come le materie prime sono meno adatti per sfruttare i segnali di trading, a livello intra-day.

Non dimentichiamo anche di considerare, affinché il trading intra-day sia efficace, il raggio temporale di azione entro il quale i segnali di trading intra-day sono validi, valutando che nel frattempo potrebbero essere venute a mancare le condizioni che ne hanno legittimato l’utilizzo. I segnali di trading non possono essere considerati senza che si abbia una certa praticità cognitiva con il mondo delle opzioni binarie, maturata già con i primi rudimenti di analisi tecnica. Altrimenti sarebbe troppo semplice e scontato piazzare una call non appena ci viene detto call e viceversa per le put.