fattura elettronicaA poco più di una settimana dall’obbligo di emissione della fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione, i conservatori accreditati, le associazioni di categoria e i consulenti di settore si sono incontrati in un summit per fare il punto della situazione in merito agli obiettivi prefissati per questo primo semestre di attività.

Gli incontri voluti dall’AgID rientrano in un progetto dedicato all’individuazione e risoluzione delle criticità riscontrate un questa prima fase di conservazione dei documenti in via informatica, nonché l’accreditamento dei soggetti preposti all’erogazione di questo servizio in maniera semplice e senza intoppi.

Nasce sotto quest’ottica, il Forum dei Conservatori, che si prefigge lo scopo di coordinare i progetti sviluppati nell’ambito della fornitura di servizi per proprio conto o laddove usufruiscano dei prodotti forniti da soggetti terzi.

In occasione dell’incontro del 9 aprile 2015, il responsabile dell’area Pubblica Amministrazione dell’Agenzia ha chiarito la natura delle attività che saranno avviate e curate attraverso il forum, spiegando come ogni progetto sarà affidato a un determinato gruppo di lavoro, coordinato dagli esperti. Conservatori, amministrazioni e l’AgID faranno dunque fronte comune per gestire un Forum di assistenza mirata.

Il superamento delle criticità – sia per la Pubblica Amministrazione sia per coloro che si trovano obbligati a interfacciarsi con essa – è stato il primo punto all’ordine del giorno della riunione. La gestione dei problemi e dei rallentamenti che si sono verificati in questi primi giorni saranno quindi in cima alle linee di intervento dell’Agenzia, con il chiaro intento di predisporre strumenti di superamento di tutte le complicazioni.

L’Agenzia ha quindi stilato una scaletta di incontri, che prevede la partecipazione di conservatori accreditati e Pubblica Amministrazione. In occasione di quest’incontri, l’AgID predisporrà delle linee guida sulla conservazione.

Il documento, rivolto alle Pubbliche Amministrazioni, funzionerà come supporto alle funzioni preliminari di conservazione, con il fine ultimo di snellirne i processi finali. Infine, l’Agenzia ha predisposto un canale di comunicazione a scopi informativi, costituito da pagine web, brochure, convegni e altre forme di comunicazione.