alimenti-scadutiI cibi scaduti vanno sempre buttati? Questo, in sintesi, è un dubbio che ci accompagna ogni volta che apriamo la dispensa di casa, oppure il frigorifero. In fondo, di questi tempi, ci viene sempre di più un po’ di rimorso quando avanziamo degli alimenti, o addirittura li buttiamo via. Facciamo, allora, un po’ di chiarezza e cerchiamo di capire cosa si può tenere, anche se scaduto, e cosa no.

Iniziamo, prima di tutto, a spiegare alcune semplici definizioni: per legge i prodotti freschi devono avere sulla confezione una data di scadenza, ovvero devono indicare entro quando quel determinato prodotto può essere consumato. Parliamo, quindi, di formaggi freschi, latte, pasta o carni. Per legge, tutti questi prodotti, devono avere la dicitura “da consumarsi entro”.

Questa semplice frase si trasforma in “da consumare preferibilmente entro” quando parliamo di prodotti non soggetti a rapida deperibilità. Ma, quindi, quali prodotti possono essere mangiati anche dopo questo tempo limite?

Iniziamo dagli yoghurt: questi possono essere consumati fino a  6/7 giorni dopo la data di scadenza, a patto che si tenga in considerazione un aspetto “tecnico”. Le proprietà nutritive di questo alimento risulteranno ridotte. Per quanto riguarda il latte fresco scaduto, in realtà, sarebbe bene non berlo proprio perchè poco salutare. Tuttavia, c’è chi afferma che bere un bicchiere di latte dopo due giorni dalla data di scadenza non crei nessun tipo di problemi.

La data di scadenza diventa fondamentale per i salumi affettati e confezionati: andare oltre la data riportata sulle confezioni significherebbe rischiare infezioni interne. Nessun tipo di problema, almeno a livello fisico, per quanto riguarda i succhi di frutta e l’olio: consumarli dopo la data di scadenza comporta la perdita di una parte del gusto del prodotto, ma senza particolari rischi.

In definitiva, possiamo sfatare alcuni miti: gli yoghurt possono ancora essere mangiati dopo la data di scadenza, ma per i prodotti freschi quali formaggi o latte è sempre bene rispettare la data prevista.