Perché le serrature per le porte blindate sono vanno trattate con maggiore cautela? Quali accorgimenti bisogna mettere in atto per garantire il massimo della sicurezza? Quanti tipi esistono e quali sono i migliori modelli? Queste sono le domande che più spesso vengono poste ai fabbri professionisti, soprattutto quando si dovesse verificare un tentativo di scasso, lo smarrimento delle chiavi o la rottura di queste all’interno del cilindro. Effettivamente le serrature per le porte blindate sono lievemente più complesse di quelle normali per cui oggi chiariamo le differenze, i modelli in commercio e tutto quello che c’è da sapere sull’argomento.

Le serrature per porte blindate oggi sono molto evolute

Le serrature per porte blindate sono al 100% più sicure e questo è un dato di fatto. Tuttavia non tutte offrono gli stessi standard di sicurezza per cui è bene capire quanti modelli e tipologie esistono in commercio. Un tempo le più comuni erano quelle a doppia mappa ma oggi risultano essere un modello superato da nuove tecnologie per arginare la specializzazione degli scassinatori di professione, che sono in grado di trovare quasi sempre il modo di violare un’abitazione.

Quelle a doppia mandata sono considerate serrature per porte blindate piuttosto obsolete, superate oggi da quelle a cilindro e da quelle elettromeccaniche. Le prime sono silenziose e fluide e richiedono chiavi più piccole di un tempo, risultando anche più pratiche e maneggevoli. Sono solitamente dotate di un livello di sicurezza aggiuntiva chiamato “defender” che garantisce un sistema antiscasso a prova del miglior ladro in circolazione. Ci sono poi quelle antiscasso, quelle a trappola e quelle elettromeccaniche oltre a modelli misti che sfruttano tecnologie particolari e materiali resistenti per garantire più livelli di sicurezza.

Come si stabilisce la qualità di una serratura per porta blindata?

La qualità di una serratura per porta blindata dipende dai materiali di cui si compongono scatola, scrocco e catenacci che, solitamente devono essere di acciaio e zinco ad alta resistenza. Per capire meglio il livello di sicurezza dovrai fare riferimento a due parametri: il GRADO ed il VALORE EN. Il grado riguarda i minuti di resistenza della serratura a perforazioni mentre il valore EN riguarda la certificazione europea Uni En che determina la resistenza a corrosione, perforazione, temperature, prove cicliche e bumping. Questi due valori sono spesso riportati nelle schede tecniche delle serrature e servono per capire su quale modello orientarsi.

L’importanza di rivolgersi ad un professionista qualificato

Ovviamente se non sei del settore è bene affidarsi ad un esperto per farsi consigliare la soluzione più indicata rispetto alla collocazione dell’abitazione e a ciò che è contenuto al suo interno. Queste serrature, inoltre, richiedono un intervento qualificato nel caso abbiano subìto tentativi di scasso o siano state smarrite/rotte le chiavi. Anche per queste evenienze è raccomandabile affidarsi ad un fabbro specializzato in serrature che sappia come affrontare il problema e che sia in possesso della giusta strumentazione e dei pezzi di ricambio per sistemare il tutto. Fonte: www.fabbrotorino365.it