Cos’è la psicologia cognitiva

8 yoga-3053488_1920 (1)Il concetto di come ci comportiamo è noto come psicologia cognitiva. L’interesse, la visione, il ricordo, l’azione e la memoria sono alcune delle funzioni mentali interne di cui si occupa. Di tutti questi elementi gioca un ruolo critico nel plasmare ciò che siamo e agiamo.

I sentimenti associati a queste idee possono essere consci o inconsci; per esempio, potremmo voler attivamente centrare la nostra attenzione su una conferenza, ma la luce che lampeggia nella stanza può causare un cambiamento non cosciente da qualche parte.

Questa disciplina è indicata da molti psicologi cognitivi come avvolgente sia la psicologia cognitiva convenzionale che le neuroscienze cognitive. La neuroscienza cognitiva è una disciplina che studia le funzioni cognitive usando approcci di neuroimaging. Ha alcune somiglianze con la psicologia cognitiva, tra cui una metodologia e una visione del mondo comuni, ma fornisce anche un modo per immaginare la funzione del cervello coinvolta in questi pensieri interiori.

Esistono molte sovrapposizioni tra la psicologia cognitiva e la neuropsicologia cognitiva (che si occupa principalmente dell’impatto delle lesioni cerebrali sulla cognizione) e, in misura minore, la neuroscienza computazionale (interessata alla creazione di modelli computazionali della funzione cerebrale).

Le origini della psicologia cognitiva

Ogni comportamento umano è condizionato e flessibile all’ambiente e al contesto in cui si trova, come da psicologia comportamentale. In una varietà di forme, il comportamento può essere rafforzato o disciplinato, con conseguente aumento o declino di quei comportamenti. Quando il tempo passa, queste interazioni formano una serie di atteggiamenti, con il risultato di una persona multiforme con diverse preferenze, aspirazioni, inseguimenti, talenti e abitudini.

Dall’altro lato, la scienza cognitiva suggerisce una maggiore autonomia – le percezioni e i desideri sono più coinvolti nella formazione delle azioni. È probabile che gli individui elaborino le emozioni che decidono se compiere o meno le azioni.

Questo cambiamento di paradigma dalla principale prospettiva comportamentista ad una prevalentemente cognitivista è stato innescato da una serie di fattori, rendendo impossibile individuare una causa particolare. Anche così, l’ascesa e l’avanzamento della teoria della conoscenza (una standardizzazione dei protocolli di comunicazione che è analoga all’approccio cognitivo), così come la critica paralizzante di Noam Chomsky al comportamentismo, hanno avuto un impatto significativo.

Psicologia cognitiva del presente

Quando la scienza cognitiva divenne più conosciuta e mainstream, apparvero una serie di studi influenti che dimostravano la sua utilità.

Alfred Yarbus, uno psicologo russo, dimostrò come i movimenti oculari saccadici potevano rappresentare processi neurali interni negli anni 50 e 60.  Questo fu uno sviluppo non nel senso che i gesti oculari erano legati alla comprensione, come era comunemente previsto, ma nella profondità e nell’ingegnosità con cui fu realizzato. Il sistema di Yarbus era attaccato per aspirazione al bulbo oculare, offrendo un nuovo grado di precisione che offriva risposte accurate a una moltitudine di domande sui modelli oculari e sui processi cognitivi.

I recenti esperimenti con gli occhiali per il monitoraggio degli occhi si sono concentrati su questo lavoro, dimostrando come i meccanismi percettivi possano essere studiati in ambienti più naturalistici. Non solo la ricerca ha mostrato come i modelli oculari dettagliati si spostano in risposta agli stimoli, ma ha anche dimostrato che la controversia tra la psicologia cognitiva e comportamentale non è più rilevante. Si è scoperto che i gesti oculari sono influenzati da sistemi neurali, che sono influenzati da credenze comportamentali. La mano invisibile del rinforzo governa le funzioni cognitive.

L’evoluzione delle teorie sulla percezione ha anche avuto un’influenza su come vengono percepite le risposte alle espressioni facciali. I movimenti muscolari non coscienti del viso che rispondono alla presentazione sottile delle espressioni facciali sono stati esaminati da ricercatori dell’Università di Uppsala in Svezia.

I ricercatori sono stati in grado di dimostrare come le reazioni psicofisiologiche esistano anche nell’esclusione della coscienza attiva, suggerendo che sono il prodotto di processi neurali non coscienti, utilizzando una procedura di camuffamento (per inibire la valutazione cosciente dei volti visualizzati) e l’elettromiografia facciale (per monitorare i miglioramenti della funzione muscolare che possono non essere chiaramente percepibili).

 

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi