Cos’è il Giovedì nero

Il Giovedì nero diede il via al crollo del mercato azionario del 1929. Quel giovedì vide i mercati scendere bruscamente dell’11%. Il seguente lunedì nero del 1929, pochi giorni dopo, si rivelò peggiore. Le azioni crollarono di un altro 13% quel lunedì 28 ottobre. Il giorno seguente divenne noto come martedì nero, poiché tutti i guadagni rimanenti per l’intero anno furono spazzati via in quel continuo crollo del mercato azionario, divenendo il peggior crollo dei mercati nella storia americana. Il giovedì nero e i successivi giorni di crolli alla fine portarono alla Grande Depressione.

Il giorno prima del giovedì nero, gli investitori avevano già subito perdite significative e si sentivano nervosi. Quel mercoledì precedente i mercati erano scesi di un ripido 4,6%. Il Washington Post peggiorò la situazione con il titolo del giovedì mattina che faceva riferimento all’ondata di vendite che creava il panico.

Il mercato ha aperto a 305,85 giovedì mattina e ha continuato a scendere dell’11% per tutta la giornata. Le perdite di questo primo giorno di crollo si sono rivelate più grandi di una tipica e lunga correzione del mercato azionario.

I banchieri di Wall Street si preoccuparono quando osservarono che le azioni avevano già ritracciato quasi il 20% dalla chiusura record del 3 settembre 1929 a 381,2. Il volume del giovedì nero risultò essere tre volte rispetto alla media giornaliera di 12,9 milioni di azioni. Questo ha peggiorato la situazione. Dopo i tre crolli del mercato azionario del giovedì nero, del lunedì nero e del martedì nero, le tre principali banche tentarono di ripristinare la fiducia del mercato acquistando azioni. Questo intervento sembrò funzionare per un certo tempo, ma dimostrò di avere solo un effetto temporaneo.

Questi crolli da soli non diedero inizio alla Grande Depressione del 1929. Prepararono la scena per distruggere la fiducia degli investitori commerciali. In seguito gli individui capirono che le banche avevano preso i loro risparmi e investiti in azioni a Wall Street. Fecero a gara per essere i primi a ritirare i loro depositi. Le banche chiusero chiuse per il fine settimana e poi erogarono solo dieci centesimi per ogni dollaro. Un gran numero di individui che non avevano mai partecipato ai mercati azionari persero allo stesso modo tutti i loro risparmi di una vita. Le banche che non avevano più depositi furono costrette al fallimento e le imprese non poterono più accedere ai prestiti.

 

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi