Come sono nati i soldi?

L’emergere storico del denaro può essere collegato all’emergere di economie basate sul mercato.  Per migliaia di anni le comunità sono state organizzate da istituzioni redistributive, le regole centralizzate hanno coordinato la produzione, il consumo, gli investimenti, e così via.

L’antico Egitto e la Babilonia sono gli esempi più tipici di imperi redistributivi, ma anche nei regni feudali europei, i mercati hanno avuto solo un ruolo minore per molto tempo.

Ebbene, questi mercati sono spesso descritti come luoghi dove i contadini rurali e i produttori urbani si scambiavano direttamente i loro prodotti.  Tuttavia, è facile vedere che il baratto è un modo molto inefficiente di scambio, poiché la probabilità di una doppia coincidenza dei desideri è bassa e, con la crescita del numero di partecipanti al mercato, diventa ancora più bassa. Non esiste una prova storica che il baratto diretto abbia mai avuto un ruolo importante nel coordinamento dei mercati.

Fin dall’avvento dei mercati organizzati localmente, acquirenti e venditori hanno utilizzato un bene specifico comunemente accettato come mezzo di scambio.  Le forme di denaro primitive erano già state utilizzate in precedenza come riserva di valore e standard di pagamenti differiti, ma in mancanza di mercati, non hanno funzionato come mezzo di scambio o come misura del valore.

La funzione più importante delle monete antiche era probabilmente il fatto che lo Stato (il re o la regina) le accettava quando pagava le tasse.  Questa caratteristica rendeva il denaro primitivo generalmente accettabile sui mercati: poiché tutti dovevano pagare le tasse, i venditori accettavano le monete perché sapevano di poterle (e nella maggior parte dei casi dovevano!) utilizzare per il pagamento delle tasse, e sapevano che gli altri venditori da cui avrebbero acquistato le merci la pensavano allo stesso modo. È tautologico, ma il denaro è accettato perché si pensa che sia accettato…

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi