Gli appassionati di cinema di solito per vedere un buon film vanno nelle migliori sale della città. In alcuni casi però è possibile vedere qualche film di qualità anche in TV, l’importante sta organizzarsi per tempo e avere un televisore di buone dimensioni e con ottime prestazioni. Oggi i canali televisivi disponibili sono numerosi, soprattutto se si considerano poi i servizi in streaming e i contenuti on demand. Stiamo però parlando proprio di cosa potremo vedere stasera in TV, considerando l’offerta dei principali palinsesti.

Biancaneve e il cacciatore

Film dedicato alla celeberrima fiaba per bambini, in questo caso la bella Biancaneve è interpretata da Kirsten Stewart, il cacciatore che la dovrebbe uccidere è Chris Hemsworth e la strega cattiva una splendida Charlize Theron. Personaggi costruiti in modo assai diverso da quelli della storia originale scritta dai Fratelli Grimm danno vita a una storia dark fantasy, che è piaciuta al pubblico e alla critica. Un film che per molti è considerato imperdibile, non fosse altro che per poter fare delle comparazioni, visto che di materiale in questo ambito ce n’è a bizzeffe. Tante volte infatti la storia di Biancaneve ha affascinato registi e sceneggiatori di tutto il mondo. In questo caso il risultato è del tutto godibile, una storia che sorprende piacevolmente. In programmazione stasera su Italia1.

Un classico intramontabile

Da vedere stasera su Rete4 un classico del cinema, datato 1972 con Marlon Brando nei panni di Vito Corleone, il reggente di una grande e importante famiglia mafiosa a New York. La storia coinvolge i figli del padrino, nel momento in cui il padre viene colpito durante un attentato alla sua vita. Il figlio Michael (un giovane Al Pacino) prende le redini degli affari di famiglia, cercando di risollevarne le sorti dopo l’attentato al padre, uccidendo l’attentatore come primo passo. Un film drammatico che ha fatto la storia del cinema, con due sequel negli anni successivi. Di certo questo film oggi funge da capostipite di un intero tema del cinema, quello della mafia siciliana emigrata in America. Particolarmente convincenti le interpretazioni dei personaggi principali, per altro sostenute da attori di gran calibro. Il Padrino, assolutamente da rivedere.

La storia del cinema italiano

La storia del nostro cinema comprende titoli di ogni genere, dalle commedie degli anni ’50 fino alle storie commoventi portate sul grande schermo da veri e propri personaggi del calibro di De Sica o Dino Risi. All’interno del calderone troviamo anche opere molto più leggere, che però hanno senz’altro contribuito a fare la storia del cinema italiano. Stasera in TV chi lo desidera può rivedere un titolo leggero e decisamente poco impegnativo “lo chiamavano Bulldozer”, diretto da Michele Lupo nel 1978. Si tratta di uno dei tanti capitoli in cui Bud Spencer appassiona grandi e piccini. In questo caso si tratta di una produzione italo tedesca, in cui l’intera vicenda ha come protagonista lo sport, in particolare il football americano. Stiamo parlando di tempi assai diversi da quelli odierni, in cui una commedia di questo calibro otteneva grande successo di pubblico, tale da poterla ritrasmettere ancora oggi, dopo tantissimi anni. Chiaramente l’intento non è quello di dare vita a un capolavoro per sceneggiatura o interpretazione; si tratta infatti di una semplice commedia, costruita per divertire, con le classiche gag e il personaggio ben noto interpretato da Bud Spencer sotto varie vesti, il gigante buono che converte i cattivi a suo di pugni. Stasera Lo chiamavano Bulldozer sarà trasmesso sul Nove per tutti gli appassionati del genere.

I palinsesti televisivi in Italia

Non tutti se ne sono resi conto, ma negli ultimi anni i palinsesti della TV in Italia hanno subito vari scossoni, dovuti soprattutto al diminuire degli spettatori. Se negli anni ’80 e ’90 abbiamo avuto un vero e proprio boom delle TV commerciali, oggi le cose stanno cambiando, a causa dell’evoluzione che si sta verificando nel mondo televisivo. Oggi i veri appassionati non attendono che un palinsesto offra loro ciò che desiderano, preferiscono infatti i canali on demand, o addirittura i servizi in streaming. Invece di attendere la classica nuova puntata del telefilm di grido, che andrà in onda ogni martedì, si scarica l’intera serie e la si guarda quando si vuole. Ormai questo tipo di proposta è disponibile sotto varie forme, comprese le TV satellitari, che danno questo tipo di opportunità. Internet ha infatti modificato ampiamente il modo in cui si fruisce dei contenuti televisivi, non più in modo totalmente passivo, ma attivandosi per decidere cosa vedere e per cercare il modo di farlo. Riusciranno i canali tradizionali a sopravvivere a questa rivoluzione? In effetti per ora sembra di s’ì, ma molti ritengono che sia solo una parentesi di temporanea calma, che porterà prima o poi a un cambiamento in tutti i canali. Già oggi infatti è possibile visualizzare i contenuti trasmessi nei giorni scorsi, grazie appunto allo streaming.