starbucksIn rete è scoppiata la “Starbucks-mania”. Ebbene sì: la celebre catena dedicata alle caffetterie più originali e squisite del mondo, potrebbe approdare in Italia. La notizia è stata data dal Corriere della Sera, ma sembra che gli accordi tra due importanti imprenditori siano già a buon punto. Ma andiamo con ordine.

Starbucks, come abbiamo detto, è un’importante catena di caffetterie: il logo della sirene a due code, il famoso Frappuccino oppure il caffè espresso nel bicchiere extra large, lo ha reso famoso in tutto il mondo. Il suo creatore, Howard Schultz, ebbe proprio l’idea qui in Italia.

Una volta tornato negli Stati Uniti decise di buttarsi in questa impresa…ovviamente, adattandola alle richieste degli americani! Dopo così tanti anni, l’idea potrebbe ritornare in patria e l’autore di questo tanto atteso evento è Antonio Percassi.

Se il nome non vi dice nulla, almeno al primo impatto, sappiate che state parlando del guru dei centri commerciali, nonchè del presidente dell’Atalanta. A lui si deve un’altra operazione commerciale di grande impatto: l’arrivo di Victoria’s Secret in Italia.

In quest’ultimo caso, il successo è stato così travolgente che in poco tempo sono stati aperti ben due store monomarca: uno in via Torino e uno in Corso Vercelli.

Ma torniamo a parlare di Starbucks: la firma dell’accordo definitivo, secondo le ultime indiscrezione, dovrebbe essere fatta entro Natale. I lavori, poi, dovrebbero iniziare ad inizio 2016, salvo poi passare all’inaugurazione ufficiale.

Ciò che è certo è che l’arrivo di Starbucks a Milano è molto atteso da chi ha avuto la fortuna di assaggiare le sue specialità all’estero…e ovviamente anche da chi cerca un piccolo lavoretto (non dimentichiamo che l’inaugurazione del nuovo negozio potrebbe portare nuovi posti di lavoro). E viste le premesse, il successo dovrebbe essere assicurato!