pc labIntroduciamo il tema della porta USB e a cosa serve nello specifico, per poi entrare nel dettaglio delle differenze tra USB 2.0 e 3.0.
La porta USB è la soluzione ideale per chi vuole connettere una periferica al proprio PC (ad esempio una stampante). Il suo meccanismo è molto semplice: è infatti sufficiente collegare la periferica che si vuole utilizzare alla porta USB ed essa è pronta all’uso! La periferica viene immediatamente riconosciuta in automatico dal sistema operativo, ed in automatico vengono anche installati i driver, se ce ne è bisogno così che nel giro di qualche secondo il componenente installato è pronto per essere usato senza neanche dover riavviare il PC.

Qual è la differenza tra porta usb 2.0 e 3.0?

La differenza tra porta USB 2.0 e 3.0 è legata al carattere evolutivo della USB 3.0 rispetto alla “2.0”.

La porta USB 3.0 è stata introdotta nel 2007, mentre la USB 2.0, nel 2000. Sono due versioni – diverse – dello standard di trasferimento dati ‘Universal Serial Bus’.

Entriamo nel dettaglio delle distinzioni che caratterizzano USB 2.0 E USB 3.0.

La porta USB 2.0 raggiunge una velocità di trasferimento di 480 MgB/s su canale mono direzionale, mentre la porta USB 3.0 raggiunge una velocità di 4800 MgB/s con trasferimento bidirezionale ed è dieci volte superiore alla porta USB 2.0.

L’USB 2.0 ha conosciuto una grande diffusione e popolarità in virtù dell’utilizzo di dispositivi con interfaccia 2.0 (chiavette, cellulari, hd esterni) ed è andata a sostituire le porte USB 1.1 proponendo e mettendo a disposizione delle performance molto più elevate. La possibilità che ci viene data di salvare dati è molto importante per il nostro lavoro o altro genere di attività. In questo senso parliamo dell’utilizzo delle chiavette USB che hanno la possibilità di storage di dati di diverso genere, dai file audio, video, di testo, ed immagini.


I dispositivi con interfaccia 2.0 possono essere adattati
anche alle porte USB 1.0 e 1.1, seppure con uno scambio dati dalla velocità inferiore.

I dispositivi con interfaccia 3.0 funzionano con porte 2.0, quindi le porte 1.0 e 1.1 non rilevano dispositivi 3.0. In aggiunta a questo, il connettore standard USB 3.0 è lo stesso del 2.0 con fatta eccezione per una unica differenza che riguarda la linguetta blu interna.

Sia le USB, 2.0 che la 3.0 sono caratterizzate dal passaggio di corrente che serve ad alimentare e ricaricare i dispositivi. Lo standard USB 2.0 è ancora oggi molto diffuso anche nei portatili di ultima generazione, proprio per garantire la retro compatibilità con dispositivi di “vecchia” generazione.