pulizieLe pulizie condominiali spesso sono uno dei motivi di principale contrasto tra i condomini. Forse non tutti sanno che esistono della specifiche norme del codice civile grazie alle quali viene regolata tale materia. Prima di navigare su internet alla ricerca di un sito per cercare addetti alle pulizie , andiamo a scoprire quali sono le principali regole da osservare per le pulizie condominiali delle scale.

L’articolo 1117 del codice civile sottolinea che le scale sono di proprietà di tutti i condomini. Ne deriva che tutti devono contribuire alla pulizia ed alla manutenzione delle scale, e tutte le spese sostenute devono essere ripartite tra gli stessi.

Assume perciò molto importanza la ripartizione delle spese condominiali per la pulizia delle scale. A tal riguardo si fa riferimento all’art. 1123 del Codice Civile, che afferma che le spese devono essere ripartite tra tutti i condomini, in proporzione al valore della proprietà rispetto alle parti comuni.

Questo si traduce nel fatto che ogni inquilino, avendo un appartamento di valore differente, dovrà  contribuire alle spese per la pulizia delle scale condominiali sborsando un differente ammontare.

Sempre l’articolo 1123 del Codice Civile secondo comma, stabilisce anche i criteri sulla base dei quali i condomini sono tenuti a contribuire a seconda dell’effettivo uso che ognuno di essi fa della parte in comune.

In pratica questo significa che gli inquilini dei piani superiori andranno a contribuire sborsando una somma maggiore rispetto a quella degli abitanti dei piani inferiori.

Ecco indicate in linee generali come vanno ripartite le spese per la pulizie delle scale nei condomini.