viso donnaIl lifting non chirurgico è un trattamento anti-age di ultima generazione, il quale può offrire dei risultati estetici davvero pregevoli attraverso un approccio minimamente invasivo, e comunque meno complesso, meno fastidioso e meno costoso rispetto alla chirurgia tradizionale.

Mentre nel lifting chirurgico il professionista interviene “tirando”, di fatto, la pelle, al fine di renderla più giovane e più compatta, nel lifting non chirurgico il risultato viene ottenuto fornendo alla cute delle particolari sostanze in grado di garantire un miglioramento pressoché immediato.

Il lifting non chirurgico, infatti, ha un duplice effetto: da un lato si riesce a conferire alla cute una maggiore compattezza ed una maggiore tonicità, evitando che questa risenta della forza di gravità, dall’altro si riescono a rimodellare in modo efficace i contorni del viso, o comunque della zona trattata, con tutte le importanti implicazioni che ne derivano a livello estetico.

Insomma, a livello di risultati il moderno lifting non chirurgico non sembra avere davvero nulla da invidiare alla chirurgia tradizionale, presentando inoltre, come detto, diversi vantaggi rispetto al lifting classico.

Ma come funziona il lifting non chirurgico?

E’ possibile distinguere, principalmente, due diverse tipologie di lifting non chirurgico, ovvero quello semplice e quello con fili sottocutanei.

Nel lifting non chirurgico prevede la realizzazione di piccolissimi fori all’interno della pelle utilizzando un apposito ago; grazie a questa operazione si inserisce, a livello sottocutaneo, una piccola cannula che distribuisce, dove utile, delle piccole quantità di acido ialuronico o di altre sostanze preziose per rigenerale la cute.

L’acido ialuronico, ad esempio, conferisce alla pelle compattezza, vigore e tonicità; si tratta di una sostanza naturalmente contenuta nella cute, la quale tuttavia tende a diminuire per via dell’invecchiamento biologico.

Il lifting non chirurgico con fili sottocutanei prevede, allo stesso modo, l’utilizzo di piccolissimi aghi; in questo caso tuttavia viene iniettato sotto la pelle un sottilissimo filo realizzato in particolari materiali, come ad esempio il Polidioxanone.

Questi fili, che nei trattamenti più moderni sono completamente riassorbibili, riescono a stimolare in modo naturale lo sviluppo di sostanze utili per il ringiovanimento cutaneo, come ad esempio il collagene.

Sia nell’uno che nell’altro tipo di trattamento le sedute previste sono molto brevi e completamente indolori, ed anche il post-operazione è tutt’altro che problematico: se l’intervento è eseguito da professionisti qualificati, come vivamente consigliato, si può riprendere la vita di tutti i giorni praticamente da subito.

Nel lifting non chirurgico, sia esso con o senza fili sottocutanei, è necessaria più di una seduta per ottenere i risultati prefissati; gli effetti del singolo intervento, ad ogni modo, sono immediati, ed è possibile cogliere in modo inequivocabile la netta differenza tra pre e post intervento in termini di tonicità e di definizione dei volumi.