penna usbBasta andare in un qualsiasi negozio di prodotti per l’informatica per trovare una incredibile quantità di diversi modelli di chiavette USB. Questi prodotti si differenziano tra loro per alcune caratteristiche, che è importante conoscere prima di effettuarne l’acquisto. In questo modo sarà possibile scegliere il prodotto che meglio risponde alle nostre esigenze, perché le migliori chiavette USB 3.0 non sono necessariamente le più costose o quelle con un aspetto maggiormente accattivante.

Lo spazio disponibile

la prima caratteristica che ci colpisce quando acquistiamo una chiavetta USB è lo spazio di archiviazione disponibile. Si parte da qualche centinaio di Mb, fino a diversi Giga; oggi in commercio ci sono anche delle pennette che arrivano fino a 1 TB di spazio, che potrebbero contenere l’intera videoteca di casa. Al momento dell’acquisto conviene non farsi impressionare dalla quantità di spazio presente sulla chiavetta, perché potrebbe essere una caratteristica del tutto secondaria. Spesso infatti le chiavette sono utilizzate per gli spostamenti occasionali di file tra due dispositivi e non sempre è necessario avere disposizione centinaia di GB per farlo. Alcuni file, ad esempio quelli di testo, occupano infatti pochi KB; per intenderci, su una chiavetta da 4-6GB si possono archiviare anni di corrispondenza, in pratica migliaia di file di testo. Se invece si sfrutta la chiavetta anche per spostare dei video in alta risoluzione, o per conservare le fotografie delle vacanze, allora conviene orientarsi sulle chiavette da 16-32 GB, o anche più grandi.

La velocità di trasferimento

Sulla confezione di qualsiasi chiavetta USB è indicato lo standard della presa: USB 2.0, USB 3.0, USB 3.1. Questi numeri indicano la velocità massima teorica di trasferimento. In pratica una chiavetta USB 2.0 di massima qualità non potrà mai raggiungere la velocità di trasferimento di una chiavetta di nuova generazione, tipo le 3.1. Questa caratteristica poi però può essere più o meno sfruttata dalla ditta produttrice, quindi una chiavetta USB 3.1 di bassa qualità può tranquillamente avere una velocità di trasferimento di molto inferiore alla metà della massima teorica. Per avere una chiavetta veloce, sia in scrittura sia in lettura, è necessario controllare sulla confezione anche questo dato. Purtroppo sui prodotti a basso costo non sempre viene indicato. Anche in questo caso però la velocità nominale della chiavetta non sempre si realizza nella realtà quotidiana. Se si possiede un computer obsoleto, con un HD molto lento e prese USB 2.0, o inferiori, l’acquisto di una nuova pennetta con standard 3.1 non gioverebbe quasi a nulla.