Continua il buon momento di forma dei titoli finanziari nel mercato statunitense: il comparto sta infatti ribadendo l’impostazione rialzista di medio periodo che era stata avviata principalmente come conseguenza della vittoria elettorale di Donald Trump alle ultime elezioni presidenziali, a seguito della formazione di attese di una generale deregolamentazione del comparto, in aggiunta all’elemento rappresentato dagli impatti positivi derivanti dai rialzi dei tassi di mercato e dalla solidità della crescita economica.

Peraltro, l’indice rappresentativo del settore sta fornendo un nuovo segnale di forza, violando al rialzo la parte superiore del canale laterale in cui si trovava incanalato nelle ultime settimane.

Tra gli altri settori che stanno trovando il pronto apprezzamento da parte degli analisti finanziari, un piccolo cenno di riferimento è certamente ascrivibile al comparto tecnologico, che è riuscito a registrare la migliore prestazione da inizio anno ad oggi rispetto agli altri principali settori di Borsa americana. Un deciso contributo positivo arriva inoltre dal segmento dei semiconduttori, fortemente esposti al ciclo economico.

Prendendo spunto da quanto appena ricordato, rammentiamo che i nuovi dati che sono stati appena rilasciati dalla SIA (Semiconductor Industry Association) hanno ben evidenziato come le vendite a livello internazionale abbiano raggiunto nel 2016 la cifra non certo irrilevante di 338 miliardi di dollari, per il livello più elevato di sempre. Dopo un avvio d’anno debole, il mercato ha altresì già registrato un notevole impulso nel corso della seconda parte del 2016, grazie anche ai segnali e alle attese di ripresa della crescita economica in importanti aree.

A questo punto, l’attenzione non potrà che spostarsi nel corso dei prossimi mesi, quando sarà interessante cercare di comprendere come i settori di cui sopra riescano o meno a tenere il ritmo di crescita delle attese.