Se avete esperienza nell’uso di qualsiasi strumento di analisi tecnica, dovreste ben sapere che queste piattaforme vi proporranno decine di diversi indicatori. Ma da quali partire per una migliore conoscenza degli aspetti tecnici del trading?

Come potete indovinare dal titolo di questo articolo, ci sono essenzialmente quattro diversi tipi di indicatori tecnici.

Il primo è un indicatore di tendenza, come MACD, Parabolic SAR e le varie medie mobili, che rappresentano solamente alcuni esempi di indicatori di tendenza e che possono essere tutti utilizzati per identificare un trend. Insomma, questi indicatori vi aiuteranno a prendere le giuste decisioni, entrando nel trade con la giusta tendenza.

Ci sono poi gli indicatori di quantità di moto. Questi tipi di indicatori sono essenzialmente degli oscillatori, e sono molto utili per determinare le posizioni di ipercomprato e di ipervenduto, sulla base dei quali poi orientare le vostre scelte di trading (in sintesi, potrebbero essere molto utili per segnalare l’inizio di una nuova tendenza). Esempi di indicatori che fanno parte di questa categoria sono RSI, Stocastico e CCI.

Ci sono quindi gli indicatori di volume. Come suggerisce il nome, questi tipi di indicatori mostrano il volume degli scambi dietro un particolare movimento di prezzo. Si tratta di indicatori in grado di essere estremamente vantaggiosi, perché un movimento di prezzo sostenuto da un volume elevato è un segnale molto più forte di un movimento di prezzo basato sul basso volume. Alcuni esempi includono Chaikin Money Flow, Force Index, Money Flow Index.

Infine, ci sono gli indicatori di volatilità. Gli indicatori di volatilità generalmente utilizzano degli intervalli per mostrare il comportamento del prezzo e del volume dietro a qualsiasi movimento. Questo è utile perché qualsiasi cambiamento drastico nel comportamento può fornire un buon segnale di ingresso. Esempi comuni includono le bande di Bollinger, Average True Range e Envelopes.

Insomma, ecco individuati quattro diversi tipi di indicatori tecnici a vostra disposizione. Quali utilizzare dipende interamente da voi, ma è generalmente consigliato avere almeno un tipo di indicatore per ogni categoria, al fine di fornire un’ulteriore conferma per entrare in una compravendita.

Il trading Forex utilizzando l’analisi tecnica è comunque incentrato sulle probabilità, in quanto quando si entra in una posizione long, ad esempio, si desidera che tutti i segnali scelti segnalino un movimento verso l’alto, indicando quindi un’alta probabilità di un movimento verso l’alto. Se si utilizza una rigorosa politica di stop loss e si utilizzano questi diversi tipi di indicatori per confermare le posizioni, allora nel corso del tempo questo metodo di trading ad alta probabilità dovrebbe fornirvi un saldo positivo tra vittorie e sconfitte nel lungo periodo!