prestitiOggi più che mai ottenere un finanziamento sembra assomigliare ad una vera e propria missione impossibile, specialmente per i giovani che, a volte, si sentono letteralmente tagliati fuori dal mondo del credito. Le banche e le finanziarie, infatti, hanno reso più rigide le garanzie necessarie per accedere ai finanziamenti mandando in crisi molti italiani. Proprio per questo motivo, oggi più che mai, è necessario essere informati e preparati per poter entrare in banca senza diventare matti o, ancora peggio, senza vedersi sbattere la porta in faccia.

Il primo aspetto fondamentale è quello di avere sempre con se tutti i documenti necessari. Anche se questo aspetto può variare da banca a banca è utile sapere che i documenti “sempre richiesti” sono: documento d’identità, codice fiscale, busta paga (o cud per il liberi professionisti, o cedolino della pensione per i pensionati).

Un altro aspetto molto importante è quello relativo all’importo che si intende chiedere in prestito che deve essere sempre rapportato al proprio reddito. Una buona regola di base è quella di chiedere un prestito la cui rata di rimborso non superi il 30% del proprio stipendio. Oltre questa soglia la banca quasi sicuramente si rifiuterà di erogare il finanziamento.

Fatta questa piccola parentesi vediamo nel dettaglio come è possibile ottenere un prestito agevolato per un giovane, sia esso per finanziare gli studi o per realizzare altri progetti.

Attualmente esistono diversi prodotti rivolti ai giovani ma quello che ci sembra essere più interessante è, sicuramente, il prestito superflash di Intesa Sanpaolo.

Questo particolare finanziamento è rivolto a tutti i ragazzi tra i 18 e i 35 anni di età e permette di ottenere una cifra variabile da un minimo di 2000 euro ad un massimo di 30 mila. A differenza degli altri finanziamenti proposti solitamente dalla banca il prestito Superflash può essere richiesto sia da chi ha un lavoro a tempo indeterminato sia dai lavoratori stagionali o a tempo determinato. Un aspetto da non sottovalutare visto e considerato che, oggi, è sempre più alta la percentuale di giovani che vengono assunti solo per un determinato periodo di tempo.

Il tasso di interesse, ovviamente, è più basso rispetto agli altri finanziamenti proposti dalla banca e il tutto può essere rimborsato in rate mensili purchè la durata massima non superi i 10 anni (120 mensilità). Un tempo comunque più che sufficiente visto che l’importo massimo erogabile è di 30 mila euro.

In conclusione trovo che questo prodotto sia particolarmente adatto a tutti quei ragazzi che vogliano investire nella propria formazione partecipando a master o a corsi di specializzazione o, ancora, che vogliano approfondire la conoscenza di una lingua. Maggiori informazioni sulle condizioni di erogazione di questo prestito si possono avere direttamente presso le filiali della Banca Intesa Sanpaolo.