DipendenzaSempre più dipendenze oggi hanno il potere di controllare la nostra vita quotidiana. Parliamo di quelle dipendenze che, senza accorgercene, entrano nella nostra normalità apparentemente innocue, ma fondamentamente molto insidiose.


La dipendenza può assumere diversi volti, chiamarsi in diversi modi, ma è sempre una condizione di vita che impone una sola strada, che non lascia scelta, destinata a creare una condizione di impotenza.


La sensazione di non poter rinunciare a “qualcosa” (o a qualcuno) è motivo di frustrazione e di depressione. La frustrazione prende il sopravvento quando non abbiamo gli strumenti per tornare ad una condizione di equilibrio, quando stiamo bene solo se ripetiamo dei comportamenti che tendono a soddisfare un bisogno “malato”, fuori del nostro controllo.


Ma qual è la causa delle dipendenze, cosa c’è alla loro origine? Perché l’essere umano cade vittima di queste condizioni psicologiche e fisiche? Aumentano a macchia d’olio e investono ogni aspetto della nostra vita. Fragilità, delusione, perdita possono essere fattori scatenanti una dipendenza.


La fisionomia delle dipendenze

Le dipendenze sono diverse e possono colpire persone di ogni estrazione sociale, di ogni età (anche adolescenziale), sia uomini che donne. Quali sono le dipendenze più comuni?
Si può essere dipendenti da droghe, da alcol, dal gioco d’azzardo, da comportamenti sessuali eccessivi, dalle fobie, dal cibo, dal fumo di sigaretta, dallo shopping… Più o meno serie, più o meno invalidanti, tutte queste forme di dipendenza possono divenire gravi e patologiche se non curate. E’ quindi opportuno cercare di risolvere il disagio prima che esso si manifesti con altre conseguenze nocive per la psiche e per la salute della persona.

La dipendenza dalla droga è rischiosa per la propria salute ed incolumità, come anche quella dal sesso, che può comportare il pericolo di malattie infettive.

La dipendenza dal gioco compromette la propria condizione economica, riducendo al lastrico molte persone che hanno anche delle responsabilità genitoriali.

La dipendenza dall’alcol, al pari di quella dalla droga, può creare veri e propri “zombie” che non distinguono più la mattina dalla sera nel loro bisogno incondizionato di bere sostanze alcoliche.


Come curare le dipendenze?

Innanzitutto chi è dipendente deve divenire consapevole di avere un problema. Spesso chi inizia con una dipendenza da droga o da alcol, sa come mantenere il “segreto”. Non ne parla con i familiari, né con gli amici, non cerca supporto perché convinto di star bene, di essere appagato e felice solo quando ha replicato il “rituale propiziatorio”. Solo il desiderio soddisfatto può mettere a tacere le paure di chi è dipendente. Anche se ci si rende conto di avere un disagio ed un problema serio da risolvere è più forte la tentazione di lasciare tutto come è, pur di non mettere a repentaglio il proprio equlibrio (malato). Chi pensa di vivere in questo modo è colui che non ha alternative e non può farcela da solo. Per questo è molto importante potersi avvalere di strutture mediche appropriate dove, con il lavoro di specialisti del settore, e con un percorso terapeutico adeguato, si può guarire gradualmente dalla dipendenza.


Al
centrosannicola.com si identifica il problema, la dipendenza, e si costruisce un percorso terapeutico per superarla. L’obiettivo è quello di recuperare la propria serenità minata da comportamenti destabilizzanti per sé e per gli altri.