Vi siete mai domandati che tipo di spazzolino dovreste usare per lavarvi i denti? La risposta non è certo semplice da formulare, considerando che la maggior parte dei dentisti concorda sul fatto che uno spazzolino a setole morbide è la soluzione migliore per rimuovere placca e detriti dai denti.

Sono inoltre preferibili anche gli spazzolini con la testa piccola, poiché possono raggiungere meglio tutte le aree della bocca, compresi i denti posteriori, generalmente difficili da toccare. Per molti, uno spazzolino elettrico è una buona alternativa: può infatti fare un lavoro migliore di pulizia dei denti, e in particolare sarà adatto a coloro che hanno difficoltà a lavarsi o che hanno una limitata manualità.

Naturalmente, uno sguardo di attenzione dovrà essere riposto anche nei confronti del dentifricio. È infatti importante usare un dentifricio adatto a voi, considerato anche che oggi c’è una grande varietà di dentifrici progettati per molte condizioni, tra cui la presenza di gengiviti, tartaro, denti macchiati e sensibilità particolari: domandate quindi al vostro dentista o igienista dentale quale tipo di dentifricio può essere maggiormente adatto a voi.

Infine, per quanto concerne una risposta alla domanda “quanto spesso dovrei sostituire il mio spazzolino da denti”, tenete conto che dovreste sostituire lo spazzolino quando inizia a mostrare segni di usura, o ogni tre mesi al massimo. È anche molto importante cambiare gli spazzolini da denti dopo aver avuto un raffreddore, poiché le setole possono raccogliere i germi che conducono alla reinfezione.