nokia-623939_960_720Microsoft chiude il trimestre con buoni ricavi, pur nell’evidenza di essere in conduzione della propria barca in un mare contraddistinto da evidenti debolezze. Il colosso americano dell’informatica ha infatti appena annunciato, per il quarto trimestre fiscale, di aver conseguito ricavi per 22,6 miliardi di dollari.

I ricavi su base annua, pari a 85,32 miliardi di dollari, hanno subito tuttavia una contrazione dell’8,8 per cento, segnalando la prima flessione di tale dato di conto economico dal 2009 ad oggi, proprio a causa di vendite sotto le attese del sistema operativo Windows. Le vendite legate al settore personal computing, pari a 40,46 miliardi di dollari, sono infatti scese del 6,3 per cento su base annua. Bene il settore Cloud, con ricavi pari a 6,71 miliardi di dollari, in rialzo del 6,6 per cento. Prosegue intanto l’acquisizione di Linkedin, dalla quale gli analisti attendono ancora stime variabili.

A proposito di operatori legati al mondo dell’informatica, dalla Germania sono giunte le notizie su SAP, con dati di vendite software sopra le attese. Le vendite sopra le attese delle licenze software hanno dunque potuto spingere al rialzo i ricavi del secondo trimestre, col reddito operativo in crescita del 9 per cento e pari a 1,52 miliardi di euro, al di sopra delle attese degli analisti. I ricavi dal segmento Cloud hanno confermato le attese, mentre i ricavi da licenze software, pari a 1,04 miliardi di euro al netto degli effetti valutari, hanno sorpreso al rialzo.