Tuning vuol dire accordare, regolare, mettere ogni pezzo in sintonia. Oggi sempre più persone hanno la necessità di personalizzare le proprie auto o moto per renderle pezzi unici o rari. Si può modificare l’aspetto estetico, il motore o l’interno. In Italia queste operazioni non sono ancora viste di buon occhio a meno che non siano omologate, mentre all’estero la legge è meno severa. L’elaborazione o la preparazione di un veicolo comporta vari fattori, in effetti si tratta di sostituire pezzi originali ad altri e vi è il rischio di avere danni o problemi in caso la modifica riguardi il motore, un software o un impianto hi-fi.

Abbiamo chiesto a Roberto Samotrace di GTR Tuning quali interventi possono essere eseguiti sulla propria auto. “Per sentire meglio la musica nella vostra auto potete installare impianti di ogni tipo e sistemare le casse dove volete, basta un po’ di fantasia e creatività. Se avete intenzione di variare l’aspetto estetico del vostro veicolo, quindi appagare la bellezza esteriore e migliorare il comfort all’interno, avete l’imbarazzo della scelta. E’ possibile modificare l’assetto e la meccanica dell’auto per una tenuta di strada maggiore, oppure riprogrammare la centralina auto per guadagnare potenza e cavalli. E’ possibile sostituire il silenziatore, il filtro d’aria, la frizione, o il cambio, fate attenzione a cosa comportano questi interventi, perché sostituire le parti originali di un automobile è sempre una questione delicata che solo un esperto può fare.

tuning

Perché cambiare l’aspetto e i componenti della vostra auto? Il desiderio di assoluta comodità e potenza del motore e soprattutto quello di essere notati mentre siete al volante non passa mai di moda. Fare colpo con la propria auto per molti uomini è ancora oggi fondamentale, così come impegnarsi con gli amici nell’aver l’auto più bella, e tutto questo rende più sicuri di sè.

Il tuning oggi è diventato forse eccessivo, infatti già al momento dell’acquisto di un auto vengono pretesi ogni tipo di accessori e opzioni.